Prometheus, il fardello opprimente del passato e personaggi a caso.

Finalmente ce l’ho fatta. Dopo soli QUATTRO mesi dall’uscita nel resto del mondo, resistendo alle sirene dei torrent, dei muli e di mille altri metodi, sono andato a vedere Prometheus al cinema, pure in 3D (prima volta, ma ne parlo al fondo).

Allora, partiamo subito col giudizio: a me Prometheus è piaciuto. Non è ovviamente un capolavoro ma non è neanche la sciolta che molti hanno professato. E’ un film visivamente impressionante, con una tensione in alcuni punti che proprio non mi aspettavo, e delle parti che invece che da Scott sembrano girate da uno Spielberg d’altri tempi (leggendo solo oggi per evitare spoiler la bellissima recensione di giopep scopro che non sono l’unico ad aver percepito la cosa).

E sì, diciamolo, è ambientato nell’universo di Alien e spiega pure un paio di cose importantissime che tutti noi, quando abbiamo visto il primo film dell’alieno, ci siamo chiesti (ma non le dico che sennò si perde veramente tutto il bello). Non mancano per altro un po’ di scenette belle splatter che male non fanno mai in un bel film di fantascienza. Ma allora cos’è che non ha funzionato, visto che un sacco di gente ci è rimasta MALISSIMO?

Beh, prima di tutto sta cosa che è il prequel di Alien ma non lo è ha creato un hype che effettivamente il film non soddisfa, non perchè non ci siano rimandi all’alieno ma perchè a mio avvisto alcune cose sono volutamente forzate in modo da tenere vicini i fan della saga.
Il secondo aspetto che è molto “meh” è che i membri dell’equipaggio sono delle macchiette da film anni ’80, e si comportano nell’arco delle 2 ore di pellicola in maniera che definire “a caso” è poco. Tipo che 5 minuti prima due di questi rincoglioniti sono terrorizzati da un bip di una sonda, e 5 minuti dopo stanno giocando con un tentacolo alieno che sta ritto davanti a loro, senza assolutamente avere idea di cosa sia. E caschi che si tolgono in un amen in ambiente alieno, personaggi che toccano qualsiasi cosa che sembra pericolosa, colpi di scena che si capiscono ancora prima dei titoli, insomma, una sceneggiatura che se la scrivevo io forse era più coerente.

A me probabilmente è piaciuto perché mi aspettavo la peggio merda e in realtà è un film di fantascienza più che onesto, direi un film medio ma con un budget di quelli enormi.

Il fatto è che un film così ti fa capire ancora di più di quanto capolavoro sia il primo Alien, con personaggi più che credibili, una trama coerente e una tensione che “miodddio mi cago addosso”.

E ora due parole sul 3D.

Il film l’ho visto nella sala Energia dell’Arcadia di Melzo, con sistema 3D “attivo” ovvero con gli occhalini che pesano 2 etti e che se non li pulisci bene ti attaccano la peste oculare. Comunque, dato che si tratta del mio primo film in 3D posso serenamente dire che questa tecnologia è cacca che fuma. Inutile, dannoso per la qualità del’immagine (la luminosità, i colori, anche la risoluzione sembra essere tarpata), credo che il 3D sia la puttanata più colossale che il cinema abbia mai partorito da quando metto piede nelle sale cinematografiche.

E 11,50 euro per 2 ore sono troppi signori.  Skyrim allora dovrebbe costare 570 euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: