Dishonored. Da grandi poteri derivano mezze delusioni.

Sabato ho finito Dishonored. Partiamo subito col dire che l’ho giocato a normal, non cambiando praticamente nessuna impostazione standard, quindi avevo gli indicatori a schermo, le guardie non erano particolarmente sveglie e la difficoltà una volta attivati alcuni poteri era veramente bassa. Ma a me andava bene così. Cercare come e dove infiltrarmi con una difficoltà troppo alta mi avrebbe allontanato dal gioco in un lampo, considerando che sono stato più stealth dello stealth stesso, rifare mille volte lo stesso punto non sarebbe stato molto divertente.

Dishonored mi è piaciuto abbastanza, cogliere i nemici alle spalle è stato molto divertente, e utilizzare i vari poteri da una certa soddisfazione. Peccato che la trama, la caratterizzazione dei personaggi, i “colpi di scena” siano la parte più debole del gioco.

Il titolo di Arkane Studios si basa sulla vendetta. La vendetta di un uomo incolpato di un crimine mai commesso, relegato all’esilio, alla morte, all’infamia. E il gioco dovrebbe trasmettere la lenta ma inarrestabile redenzione del nostro, silenzioso, eroe. E invece nulla, non ho sentito nulla, nessuna emozione, nessuna rivalsa, nessuna sete di giustizia. Solo delle missioni ben congegniate, con metodi di risoluzione variegati, ma non ci ho trovato niente di più

Probabilmente ha influito sul mio giudizio il fatto che per lunghi tratti del gioco mi sembrava di attraversare una versione vittoriana e steampunk di City 17, con tanto Bioshock qui e lì e un gameplay alla Deus Ex Human Revolution. Ecco forse questo eccessivo (a mio avviso) citazionismo non mi ha permesso di apprezzare nella giusta maniera della ambientazioni sì ispirate, ma come detto, che sapevano tanto di “già visto”.

Che dire, sicuramente in un periodo storico di CoD e Battlefield un titolo come Dishonored è una ventata d’aria fresca, ma da qui a farlo diventare un capolavoro assoluto mi sembra ce ne passa, e non poco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: