Un Polpo Alla Gola – ZeroCalcare e una storia bellissima

Del precedente lavoro di ZeroCalcare avevo già scritto qui e mi era piaciuto moltissimo.
Finalmente è uscito il suo secondo libro, Un Polpo Alla Gola, e ancora una volta il ragazzo si conferma non solo un fuoriclasse del fumetto italiano, ma una persona che riesce a contestualizzare in maniera quasi fisica dei periodi storici della sua (mia, nostra) vita, fino a farci riviviere col pensiero dei momenti simili del passato.

Un Polpo Alla Gola è una storia molto diversa dalla Profezia Dell’Armadillo. Prima di tutto è una storia vera e propria e non un insieme di brevi sketch che ne formano una più grande.
E’ la storia di un segreto innominabile, di una colpa senza redenzione, di un enorme peso sull’anima (il polpo del titolo) che attanaglia il protagonista in una morsa asfissiante.

E’ veramente notevole come un fumetto “leggero” possa portarsi dietro un pathos simile. Era successo nella Profezia e succede nel Polpo. E ZeroCalcare riesce dove moltissimi falliscono, nel coinvolgerti senza soluzione di contiunità sino alla fine. Bellissimo.

Il volume su Amazon.it costa 12 euro, e si legge in un lampo. 12 euro valgono il poco tempo che è necessario per fagocitarsi le 190 pagine del volume? Sì, li valgono.

Per altro Il Polpo è stato in testa alla classifica Amazon per diversi giorni, oggi un tweet dello stesso Calcare cita:

“Su amazon sono stato spodestato dal libro di razingher. Il bene ha prevalso sull’odio e sul rancore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: