La pellicola salvaschermo del telefono aka ora posso disinnescare una bomba alla nitroglicerina

pellicola-1

Il seguente post è stato scritto pensando ad una persona che seguo su Twitter che sta avendo a che fare con questo dramma della società moderna.

Non sono mai stato una persona precisa o ordinata. La fretta e l’impazienza sono sempre state mie compagne di vita e raramente sono riuscito a mantenere la calma in diverse situazioni. Per esempio non sono il tipo che può passare  i pomeriggi a dipingere miniature di goblin e nani per giocare a Warhammer, e difficilmente mi si troverà curvo su un meccanismo di un orologio a cucù per carpirne i segreti.

Purtroppo il macabro destino ha deciso di farmi seprimentare una cosa molto ma molto peggiore delle attività da monaco zen descritte sopra: appiccicare la pellicola salvaschermo al mio cellulare.

E’ noto che mettere la pellicola salvaschermo è una di quelle attività che, come difficoltà, si piazzano subito sotto disinnescare un ordigno nucleare a pochi secondi dallo zero, e che è necessaria una tranquillità mentale che è tipica di chi passa 20 anni della sua vita a meditare sopra una roccia.

Nonostante questo mi sono cimentato diverse volte nel tentare di incollare in maniera precisa tale sottile strato di plastica sugli schermi dei miei amati smartphone,  purtroppo non sempre con successo.

Solitamente il colpevole del fallimento è la polvere. Non batuffoli immensi, ma micro-nano-pico granuli, che posandosi sullo schermo (ovviamente subito dopo averlo pulito con la massima cura), non permettono alla pellicola di aderire perfettamente creado delle ENORMI bolle. Ma io dico, come cazzo fa un microgranulo a creare una bolla così grossa? E non c’è pigia pigia che tenga, se c’è quel fottuto chicco di polvere, c’è anche la fottuta bolla.

Quindi: bisogna fare il tutto in un ambiente poco polveroso, mani ferme, senza respirare (sennò si muovono atomi dannosi all’operazione). NON BISOGNA STARNUTIRE, che poi ti senti un cretino che sono 3 miunti che tieni il fiato e riempi la parte adesiva della pellicola di muco e batteri.

E quindi quando faccio questa cosa mi ritrovo da solo, a notte fonda (così nessuno spacca i maroni), finestre sigillate (anche al 7 di agosto), in apnea, sudato come un maiale che sfioro il telefono come se si trattasse della ragazza più delicata del mondo. Insomma, 007 mi fa na pippa.

Sappiate che a causa delle pellicole salvaschemo i gironi dell’inferno si sono riempiti ad una velocità smodata, visti i porconi lanciati in quegli attimi. E comunque una soluzione l’ho trovata: non cambiare mai più cellulare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: