Playstation 3 Fat e il cambio di Hard Disk ovvero come non progettare un sistema.

sc003Con l’offerta eccezionale del servizio Playstation plus gli 80 gb della mia PS3 ciccia non erano aimè più sufficienti. In realtà avrei potuto farli bastare per un po’, ma (ecco il primo punto di odio) il sistema che ha messo in piedi Sony prevede che se io devo scaricare un gioco da 15 gb, devo averne 30 liberi.

E’ semplice capire che bastano 2 giochi come Hitman Absolution (17 gb) e Mass Effect 3 (14 gb) per mettere in crisi il mio spazio di archiviazione della PS3.

Decido quindi, dopo aver letto diversi tutorial, di sostituire l’HDD interno con uno più capiente. Ne trovo uno a 50 euro da 500 gb, un filo meglio della proposta Sony di un disco da 250 gb a 99 euro (vabè, solo il doppio per la metà dello spazio, che volete che sia).

PS3 ha un sistema di backup automatizzato per cui si collega un disco esterno via USB, ci si fa il backup, e poi è possibile cambiare il disco interno e ripristinare il tutto come se nulla fosse successo. Questo dice la leggenda. La leggenda è falsa.

Prima di tutto il disco esterno deve essere formattato in FAT32. Dato che Windows non formatta grossi volumi con il file system FAT32 bisogna o farlo da riga di comando (ma a volte non funziona) o scaricare un piccolo tool che fa tutto lui. Ok, primo passo superato senza troppi problemi.

Facciamo il backup. Avevo nel disco interno della PS3 circa 60 gb occupati. Il backup, completato correttamente, dice il sistema, dopo 2 ore, dichiara di aver copiato 41 gb. Un punto interrogativo mi compare sul cranio mavabbè (60 vs 41). Dato che non c’è modo di sapere cosa VERAMENTE è stato backuppato, smonto il disco da 80 e ci ficco quello da 500. La procedura è veloce e molto semplice. Un avvitatore elettrico aiuta non poco dato che le viti, giustamente, sono strette alla morte.

Faccio partire la console e mi ritrovo davanti la schermata 400×200 di risoluzione. Il sistema ha bisogno dell’ultimo firmware pubblicato da Sony su una chiavetta USB separata, NON il drive con il backup sopra ma una chiavetta a parte. Ok, lo sapevo, faccio. E’ come inizializzare la console per la prima volta. Quando torno ad una situazione decente (1080p, data e ora precise, firmware installato) attacco il discone USB e faccio partire il ripristino. Tutto va bene sino al 65% di completamento e 34 minuti dalla fine (la durata avrebbe dovuto essere uguale all’operazione di backup), quando il sistema mi da un errore. Si torna alla dashboard con il preoccupante messaggio “ricostruzione del database in corso” e vedo che sono presenti gli utenti che avevo nella vecchia console, ma solo quello. Non ci sono account PSN registrati, non ci sono backup di alcun tipo. Solo Utente1, Utente_USA etc. vuoti.

Vabè, vado a dormire, ci penso il giorno dopo, mi dico. Riprovo con il restore la mattina dopo. Lo faccio partire e con il massimo sprezzo del pericolo vado a fare la spesa. Al mio ritorno la console è spenta. L’accendo e via di nuovo  “ricostruzione del database in corso”. Ora però oltre agli utenti ci sono ben 6 salvataggi (i file originali erano 136), foto, video e musica. Non c’è un gioco scaricato dal PSN, non ci sono dati di gioco tipo gli 11 gb di Gran Turismo 5, insomma, una mazza. Nota: di video, musica e foto avevo si e no 200 Mb (quindi 60 gb vs 41 gb? again).

Ho cercato in rete se ci fosse un motivo per i restore falliti e le spiegazioni che ho trovato erano molteplici, troppe per provare e riprovare: settori danneggiati nei dischi (non era il mio caso), salvataggi non copiabili (ne parlo tra poco), e altre motivazione assurde.

Vabè, dato che mi sono scartavetrato la minchia di fare restore decido di riscaricare tutto, partendo ovviamente dai salvataggi. Per fortuna sono un utente PS Plus e uso il cloud per tirare giù i dati. PECCATO che molti salvataggi non vengono caricati sul cloud automaticamente, ma devono essere salvati uno per uno, e ora mi spiego.

Prendiamo l’unico salvataggio che mi interessava: Dark Souls. Il salvataggio di Dark Souls (come quello di Sleeping Dogs, o uno di quelli di GT5) non viene preso in considerazione se si fa la copia massiva dei dati su cloud, e ovviamente non si può salvare su un supporto USB (la maggior parte sì però). Bisogna SAPERE che quel salvataggio non viene preso in considerazione dalla copia massiva e dire al sistema che SOLO QUELLO, PROPRIO QUELLO, deve essere caricato. Solo che questa cosa la scopri quando hai già cambiato HD interno e ti chiedi dove minchia sia finito il tuo prezioso save sullo spazio di PS plus. Quindi cosa ho fatto? Ho rimontato il disco vecchio da 80, ho controllato quali salvataggi avevano questa cazzata peculiarità, e li ho gestiti uno ad uno.

Faccio notare che: un salvataggio come quello di Dark Souls o lo si copia singolarmente tramite cloud o non c’è modo di “tirarlo fuori” dalla console. Cioè non è possibile senza una connessione internet e un servizio a pagamento mettere al sicuro la propria storia di ore e ore di gioco di uno dei titoli più bastardi della storia recente (magari mi sbaglio eh, però io ho questa esperienza). Meno male che il disco da 80 gb ce l’avevo lì vicino e non ho avuto problemi a recuperarlo, sennò si sarebbero sentite le bestemmie in Antartide.

Rimontato il disco nuovo ho cercato di salvare in locale i dati appena uppati, ma simpaticamente il sistema mi ha detto che dovevo aspettare 24 ore (dandomi data e ora del limite da rispettare) per fare un ulteriore download dei dati (purtroppo non ho fatto lo screenshot del messaggio perchè se me lo avessero raccontato non ci avrei creduto).

Allora con estrema simpatia ho iniziato a riscaricare quello che avevo sul disco da 80 gb e grazie alla mia connessione non ci ho messo neanche tanto. Ovviamente i giochi, come sempre su PSN, non sono patchati, quindi sia Sleeping Dogs, che Wipeout, che altro, hanno necessitato di altro tempo per riscaricare tutte le patch. Ricordo che GT 5 scarica qualcosa come 6gb solo di dati aggiuntivi.

Ora ho un disco da 500 gb e ho già iniziato a giocare roba che sul disco vecchio non mi stava, però porcoilmondochec’hosottoipiedi, è possibile fare un sistema così?

Una funzione di backup che non si sa mai cosa fa? Un servizio cloud che copia solo alcune cose e altre no (ma non te lo dice)? Un sistema che necessita del DOPPIO dello spazio per installare i giochi? Salvataggi che non possono essere esportati se non facendo il giro del pianeta?

No Sony, non ci siamo. Ti salvi con il PS Plus e con le ottime esclusive, sennò il vaffanculo sempiterno era già partito. Se fai PS4 con questa logica non te la compro manco morto. Sallo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: