Grid 2: una serie di scelte che ho capito poco.

Grid-2-1A me i giochi di guida piaccono, eccome. Giocai come se non ci fosse un domani al primo Gran Turismo (in giapponese), divorai i vari Toca, F1 di Psygnosis, addirittura Motorhead, per arrivare ai recenti Forza 4,  GT5 e Shift 2. Ovviamente l’amore per le corse digitali partiva da molto più lontano, da quel Pole Position che giocavo nel bar vicino a casa molti anni prima. Ah, ero praticamente imbattibile a Daytona in sala giochi.

Questo per dire che tutto sommato la mia esperienza ce l’ho, ecco.

Considerando il fatto che ritengo GRID uno dei titoli corsaioli migliori della presente genrazione (e a livello di divertimento puro il migliore) ero entusiasta del fatto che Codemasters si fosse decisa a dare un seguito a tal gioco. Ci ha messo una paccata di anni, e l’hype che siti e riviste mi avevano fatto venire era fuori scala. Ma poi alcune notizie rilasciate qui e lì avevano iniziato a perturbare il campo di ottimismo che si era creato intorno a me.

“Ah non c’è la visuale interna, ma tanto la usano in pochi”. Mah. “Ah non c’è il ciclo notte-giorno”. Boh. “Ah non c’è più Spa”. Eh???

No, non ci siamo. Però lo si prova, eccheccachio. E la prova è a dir poco sconsolante. Partiamo dalle note positive: graficamente il gioco è bello da vedere con un sacco di effetti tipici del motore grafico di Codemasters. Ma è solo bello, non è eclatanete, non fa dire “minchia che roba”. No. Anzi, alcuni tracciati cittadini sono quasi sotto la media.

Vabè, mi dico, tanto qui conta il divertimento. E qui arriva la mazzata: per me divertimento non è solo sgommare come un tamarro e fare i peli ai muri con drift a caso, ma anche avere un IA decente e delle gare avvincenti. In GRID 2 questi aspetti li ho trovati depotenziati rispetto al suo predecessore. Sembra quasi di trovarsi davanti ad un DIRT 3 con meno rally e più circuiti cittadini.

Sì perchè nonostante abbia letto in giro che questo capitolo è più “europeo” del precedente, ci sono troppi tracciati cittadini ambientati negli USA, e sono stati spazzati via le migliori piste del primo GRID: Spa, Le Mans,  Nürburgring (quello F1 che quello ad 23 Km ha rotto il cazzo). Niente.

Sparite le gare con 30 macchine turismo tutte sportellate e uscite di pista. Sparita la sfida. Sparito tutto. Per altro sparite anche molte gare a ruote scoperte, che erano la chiccha del prequel.

Alla fine mi sono rimesso a giocare a GRID-senza-2 che, lo dico senza dubbio alcuno, per me rimane il gioco di guida top di PS3 e 360 (ma tanto lo gioco su PC e amen).

Altro mistero sono i votoni che GRID 2 ha preso in giro per il pianeta, che una media di 84 su metacritic è veramente troppo, a sto punto inizio a pensare di avere gusti molto diversi dal resto del pianeta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: