Mario 3D World, un gatto, tanti colori e la retina sparaflashata.

Super-Mario-3D-World-Box-ArtNA1Mi sembra ieri quando, dopo aver visto le “novità” di Nintendo alle’E3 2013, dichiaravo che il nuovo Mario era molto molto deludente. Ecco, vorrei tornare da me stesso qualche mese fa, tirarmi un coppino fortissimo, e dirmi quanto stolto fossi.

Super Mario 3D World (o Mario Gatto) è un gioco strabiliante, bellissimo, visivamente incredibile e con una giocabilità pazzesca. E’ il miglior Mario di sempre? Non so dirlo, perché non innova così tanto come il 64 o il Galaxy, ma sicuramente ha una purezza, una classe anche superiore ai suoi predecessori.

Ho giocato per ora 4 mondi, sia da solo sia con un altro giocatore (il pupo), ed è stato fin’ora una gioia per gli occhi e per il cuore.

Prima di tutto la grafica. Nintendo ci ha  messo un attimino di troppo ad arrivare all’HD, ma porca vacca che splendore. Sembra di camminare in mezzo ad un cartone animato. Semplicemente sfavillante. E poi il gioco. Qui siamo nella perfezione assoluta, come Nintendo ci ha da sempre abituato, seguendo come modello quanto fatto per Super Mario 3D Land per 3DS: livelli abbastanza corti, tot stelle da raccogliere per accedere ai livelli più avanzati, castelli di fine mondo con i soliti villain. Bellissimo il fatto di poter agire, sullo schermo del gamepad, distruggendo o attivando cose, semplicemente toccandole (un po’ come capitava per il G2 in Mario Galaxy 2).
Geniale il fatto che uno dei due giocatori (magari un po’ più in difficoltà) si possa rifugiare in una bolla e lasciare all’altro l’incombenza di passaggi più difficili. Ovvio che se il giocatore che salta e schiva muore, si porterà al game over anche quello placidamente nascosto nella bolla.

Difetti? Per ora nessuno. Mario Gatto è un amore e il fatto di potersi arrampicare per diversi metri fa capire quanto sia stato studiato attorno a questa feature il level design.

Anzi ora che ci penso un difetto c’è: un gioco del genere ti fa capire quanto poco siano considerati il testing e il level design in altre produzioni: qui non c’è patch per il day one, non c’è “ah il gioco ha meno livelli ma poi li rilasciamo in DD”, non ci sono board di forum tempestate di giocatori delusi perché i salvataggi scompaiono misteriosamente, niente di tutto questo. Nintendo su questo è una sicurezza, nessun bug ( o se ci sono sono invisibili), nessun problema con il pad, tutto funziona come deve.  Inoltre le piattaforme, i livelli, i salti, si vede che sono tutti pensati e ripensati più volte. Se tutte le software house mettessero così tanta attenzione in questi aspetti il mondo sarebbe un posto migliore.

Ovvio che questo è, deve essere il system seller che doveva affiancarsi al Wii U già verso la primavera di quest’anno. E’ arrivato tardi, non troppo, ma tardi. Certo è che tra Mario Gatto e Killzone Shadowfall ho preferito il primo. E poi a marzo c’è Mario Kart 8. Baci e abbracci.

Annunci

2 Responses to Mario 3D World, un gatto, tanti colori e la retina sparaflashata.

  1. collapse ha detto:

    I deligvht in, lead to I found just wyat I was looking for.
    You have ended my 4 day long hunt! God Bless you
    man. Have a nice day. Bye

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: