RUSH, Lauda, Hunt e gente che aveva tanta voglia di farsi male.

rush_coverQualche tempo fa avevo scritto qualcosa sul fatto che la F1 ai giorni nostri utilizza alcuni aspetti (Kers, Ala mobile, punti doppi nell’ultima gara nel 2014) quasi mutuati dai videogiochi.

Giorni fa ho visto Rush, di cui parlo qui, film di Ron Howard sulla rivalità tra James Hunt e Niki Lauda, e in particolar modo sull’annata del 1976, quando Lauda ebbe il suo drammatico incidente al Nürburgring, che da quell’anno fu cancellato, nella sua versione da 20 e passa km, dal calendario di F1.

Ora, a me le corse piacciono, e la F1 in particolare. Lauda in Ferrari me lo ricordo poco, nel 76 avevo 3 anni, ma comunque qualcosa dentro il mio cervellino c’è. Ovvio che le immagini dell’incidente le ho viste mille volte negli anni, ma comunque allora già guardavo le corse, per esempio ricordo benissimo gli anni di Villeneuve sulla rossa.

Comunque, tutta sta pappardella per dire che ero molto molto molto dubbioso che l’uomo artefice di Apollo 13, Il Codice Da Vinci e Cocoon potesse cogliere nella giusta ottica una cosa super europea come la Formula 1 e soprattutto la F1 degli anni 70, che immagino per gli americani sia una roba che a confronto i mondiali di calcio sono come il Superbowl.

Ho iniziato però a leggere commenti più che positivi, sentire pareri entusiasti, e mi sono convinto, vediamolo. Rush è un film bellissimo, di quelli che ho visto io di Howard sicuramente il più bello. Certo, ci sono parti molto romanzate e anche alcune forzature. I due personaggi, Hunt e Lauda, sono portati all’estremo come caratteri, in realtà uno era un po’ meno cazzone e l’altro un filo meno computer-umano-che-non-sbaglia-mai. E sì, pare che il casco di Lauda non fosse proprio così come si vede nel film (lo dicono i meccanici Ferrari di quegli anni).

Però il film è un inno alla F1 di quei tempi, i personaggi sono fantastici da vedere, da sentire, tutto è fatto con una maestria per la verità molto europea e poco americana. E le gare, mio ddddio le gare, sono da infarto. Rumori fortissimi, auto dell’epoca (c’è anche la Tyrrell a 6 ruote) in parte ricostruite in parte chieste a collezionisti. Una roba per cui un appassionato non può che emozionarsi. E poi c’è l’incidente di Lauda, senza immagini di repertorio ma completamente ricostruito, una roba tremenda, che colpisce, che fa capire cosa è veramente capitato in pista in quei momenti.
Quello che è incredibile è che gli aspetti più irrealistici della storia sono in realtà quelli veri, tipo Lauda che dopo 42 giorni dopo l’incidente torna come un eroe in pista, Hunt che all’ultimo Gp rischia la pelle e non sa quale sia il risultato finale, una trama talmente pazzesca da sembrare quasi finta.

Insomma, questo film va bene per tutti, per gli appassionati che si ritrovano in un mondo perfettamente ricostruito (lavorone fatto su vestiti, acconciature, stili degli anni 70), per chi vuole un film bello su una storia leggendaria (che sembra quasi finta da quanto è estrema), per chi vuole un film spettacolare da vedere (per altro non ci sono quasi effetti digitali, a parte la moltiplicazione delle tribune quasi tutto è reale). Certo non è un documentario, ma non vuole esserlo.

Da vedere, voto 9,5.

Nota a margine: l’incidente di Lauda , come detto, ha praticamente chiuso le porte della F1 al Nürburgring, nella sua versione lunga, quella denominata Nordschleife, di 23 Km. Oggi come oggi una versione leggermente più corta, di 20 Km circa, è utilizzata per test automobilistici, gare di privati e semplici open day. Ma chiunque abbia messo il culo su quella pista, sia realmente sia virtualmente in un videogioco, sa di che razza di posto stiamo parlando. 23 Km di curve, saliscendi, curvoni velocissimi e curve a gomito. Guard rail a 1 metro dalla pista, vie di fuga inesistenti, auto che viaggiavano a 300 all’ora su dossi che le facevano praticamente decollare. Insomma, questi erano matti. Rendiamocene conto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: