Playstation, 20 anni, auguri.

Nel lontano 19sp_110932-91211-i_rc94 non c’era internet, non c’erano i “leak”, non c’era il bombardamento mediatico che c’è oggi nel mondo dei videogiochi. C’erano le riviste cartacee, c’erano Nintendo e Sega. Commodore si era spenta, e Sega aveva appena affacciato sul mercato da pochi giorni la sua console a 32bit, il Saturn. Poi arrivò Sony, che fino a quel momento era apprezzata nel mondo per il Walkman, per le TV Trinitron, le videocamere e un botto di altra roba fichissima. Ma non per i videogiochi, proprio no.
“Sony è un colosso eh, ma nei videogiochi ci vuole passione, e Sega e Nintendo non possono essere battuti” era un po’ il meme che girava tra gli appassionati di allora. Poi uno mise il CD di Ridge Racer nella plasticosa, grigia, anonima PSX e il mondo non fu più lo stesso. Era arrivato il 3D, in un attimo tutto quello che avevamo visto prima con le console da casa sembrava tremendamente vecchio e superato. Da quel giorno di 20 anni fa si sono succedute 4 console da casa, 2 portatili, millemila giochi, decine di periferiche, drammi umani come la caduta del PSN da parte degli hacker, e momenti esaltanti come i boss di God Of War 2.

Tutto questo per dire che se 20 anni fa pochi sinceramente avrebbero scommesso qualche soldo su Sony, oggi Playstation è sinonimo di videogioco, che piaccia o no. Certo, rabbrividiamo un po’ tutti quando sentiamo dire “ah sì è la playstation della Nintendo”, e dei piccoli Pikmin bruciano in quel momento, però è la dimostrazione di come questo brand si sia imposto negli anni e oggi stia tornando ai fasti di un tempo con PS4.

Sarebbe stato molto divertente vedere cosa sarebbe successo se il sodalizio tra Nintendo e Sony non si fosse interrotto bruscamente per le scelte conservative dei genitori di Mario, e sono convinto che a Kyoto si siano martellati i coglioni quando vedevano che Playstation vendeva fiumi di pezzi e il N64 era una console “di nicchia”, ma comunque la storia la sappiamo e possiamo solo immaginare come sarebbe andata.

Che dire, ho giocato tanta roba su Playstation, ma tanta tanta,  da MGS, alla mitica F1 di Psygnosis, da Tekken 3 a Bushido Blade,  però il gioco che mi rimarrà nel cuore (e nelle retine) per sempre sarà il primo, midico, rotto quanto volete, Wipeout.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: