Videogiochi di calcio, dieci pietre miliari. Capitolo 4: International Soccer

c64_2Taaaaaanti anni fa ero un bimbo che sbavava di fronte alle pubblicità dell’Intellevision su Topolino. Quei quadratoni e quelle lineette che rappresentavano calciatori, cestiti e giocatori di hockey per me erano la cosa più figherrima che avrei mai potuto vedere in un videogioco. Vedere i fantasmagorici giochi che erano rappresentati in quelle pagine mi faceva venire voglia di essere ricchissimo e chiedere ai miei di comprarmi tutto.

Purtroppo la situazione era leggermente diversa  e non ero ricchissimo, ma qualche anno dopo in casa nostra arrivò il Commodore 64 e finalmente la mia sete di sport interattivo si placò con International Soccer, che per la cronaca pisciava in testa ai giochi che mi avevano rapito nelle pubblicità di Topolino.

International Soccer faceva parte di una serie di giochi sportivi pubblicati direttamente dalla Commodore e dava la possiblità al giocatore di sfidare sia il computer sia un altro giocatore, ovviamente con un secondo joystick (ah il C64, che capolavoro di computer…)

Il campo era visto di lato e le squadre era formate da 7 giocatori (portiere compreso). Praticamente hanno inventato il calcio a 7 🙂
Essendo un gioco pioniere quasi del genere, non erano presenti falli o fuorigioco ma c’erano le rimesse laterali e i calci d’angolo.

Ovviamente, come moltissimi giochi simili, c’era il modo di segnare sempre, almeno nella versione che avevo io: era sufficiente arrivare da fondo campo e tirare in alto verso la porta. La palla si insaccava mentre il portiere effettuava un inutile saltello sul posto.

InternationalSoccer_Animation

Perchè per me è così importante sto gioco allora? Perchè è stato praticamente il primo gioco di calcio vero che ho avuto a casa e ci ho passato mille milioni di ore, ecco.
C’è anche da dire che per l’epoca, International Soccer era una gioia per gli occhi e come gameplay era veramente divertente.

Certo è che chi si lamenta del costo dei giochi oggi, che per produrli ci vogliono 600 persone e decine di milioni di dollari, pensi che allora un giochino così sempre uguale, con dei bug enormi costava all’utente finale ben di più (considerando inflazione, moneta, bla bla bla) ma ci si divertiva come bimbi comunque (anche perchè ero un bimbo quindi beh, era più semplice.)

Una chiccha, che mi sono ricordato solo perchè l’ho riletta su qualche sito di fan. è che in International Soccer si potevano scegliere un tot di colori per le magliette (ovviamente solo tinta unita, no righe) ma c’era anche la modalità “TV in bianco e nero” dove i colori erano scelti dal computer in modo da non confondere le squadre in campo. Ah il 1983, ah gli 8bit.

 

Annunci

One Response to Videogiochi di calcio, dieci pietre miliari. Capitolo 4: International Soccer

  1. benez256 ha detto:

    Con questi giochi mi viene sempre il momento lacrimuccia :’)
    …e comunque complimenti per il nome del blog, meriteresti un Oscar solo per quello!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: